Vaccino anti COVID-19 ed Epidermolisi Bollosa

5×1000
5 Giugno 2020
COVID-19 e malattie rare della pelle
6 Febbraio 2021

Vaccino anti COVID-19 ed Epidermolisi Bollosa

Poiché in molti ci avete chiesto informazioni circa l’utilizzo dei vaccini contro SARS-CoV-2 nelle varie forme di Epidermolisi Bollosa, in accordo con l’ambulatorio di Modena abbiamo tradotto qui in italiano le informazioni fornite, solo in inglese, dal sito di ERN SKIN, l’European Reference Network (ERN) per le patologie dermatologiche.

Naturalmente questa pagina è solo a scopo informativo e non sostituisce il parere dei vostri specialisti di riferimento, che sono come sempre a disposizione per darvi consigli personalizzati.


INFORMAZIONI GENERALI

Una campagna di vaccinazione contro COVID-19 è stata programmata a livello europeo per essere gestita contemporaneamente in tutti i Paesi europei

Non ci sono prove a sostegno del fatto che le persone con malattie rare dovrebbero evitare la vaccinazione contro SARS-CoV-2. La vaccinazione è essenziale per proteggere l’intera popolazione, compresi i pazienti con malattie rare della pelle. Anche se, in ultima analisi, questa vaccinazione è una questione di scelta personale.

Noi incoraggiamo la vaccinazione, specialmente per i pazienti con disturbi che probabilmente influenzano il sistema immunitario e possono essere associati a complicanze da COVID-19. Poiché i vaccini a RNA messaggero (mRNA) attualmente disponibili non sono vaccini vivi, non dovrebbero comportare alcun rischio per i pazienti con condizioni di immunodeficienza, né per quelli sottoposti a trattamento immunosoppressivo. Questi vaccini non possono infettarti con la malattia COVID19. Non è previsto che rappresentino un rischio per i pazienti con condizioni di immunodeficienza o per quelli sottoposti a terapia immunosoppressiva. Schematicamente, il principio fondamentale alla base di questi vaccini contro l’mRNA è che prendono di mira solo la proteina spike di SARS-CoV-2, che si trova sulla superficie del virus. Questa proteina spike consente al virus di entrare nelle cellule e infettarle.

I vaccini non alterano le informazioni genetiche dei pazienti, dato che le informazioni genetiche del virus non sono integrate nel genoma delle cellule infette.

Tuttavia, a meno che non vengano resi disponibili nuovi dati su questo tipo di problema di sicurezza, gli attuali vaccini dovrebbero essere discussi con cautela per i pazienti con una storia di grave reazione anafilattica, cioè orticaria grave con angioedema associato a segni generali, o addirittura shock, oltre alla necessità di portare una penna adrenalinica.

Qui, va notato che l’angioedema ereditario è causato dall’accumulo di bradichinina nei tessuti, che non è un meccanismo allergico. Pertanto, non vi è alcuna controindicazione alla vaccinazione per i pazienti affetti da questa condizione.

A seconda della futura disponibilità di altri tipi di vaccino, verranno emesse nuove raccomandazioni, se necessario.

Va tenuto presente che le persone vaccinate devono continuare a seguire le misure preventive raccomandate contro COVID-19, come indossare una mascherina, lavarsi regolarmente le mani con sapone, praticare il distanziamento sociale e altri. Finora sono necessarie maggiori informazioni per determinare se le persone vaccinate possono ancora infettare altre persone che non sono immunizzate contro la malattia del virus SARS-CoV2.


EPIDERMOLISI BOLLOSA EREDITARIA E MALATTIE CHE PROVOCANO FRAGILITA’ CUTANEA

Per favore, leggere attentamente le informazioni generali sopra riportate.

Non ci sono prove che sconsiglino la vaccinazione contro SARS-CoV-2 per i pazienti con Epidermolisi Bullosa Ereditaria (EB).

La vaccinazione è essenziale per l’intera popolazione, compresi i pazienti con EB. Spetta comunque al paziente decidere se vuole vaccinarsi, in quanto la scelta è libera come per qualsiasi altro individuo.

Tuttavia, la vaccinazione è fortemente raccomandata per i pazienti con le forme più gravi di EB, in particolare quelli con grave fragilità mucosa / cutanea e coinvolgimento sistemico, come la malnutrizione e la cardiomiopatia, tra gli altri.

Per consigli dettagliati, non esitare a contattare lo specialista medico via e-mail,fax o telefono.


MALATTIE BOLLOSE AUTOIMMUNI

Per favore, leggere attentamente le informazioni generali sopra riportate.

Poiché i pazienti con malattie bollose autoimmuni della pelle (AIBD) mostrano un rischio più elevato di gravi tipi di infezione virale tra cui COVID-19, in particolare i pazienti più anziani e quelli trattati con corticosteroidi orali o immunosoppressori convenzionali come metotrexato, micofenolato mofetil e azatioprina, il gruppo AIBD di ERN SKIN raccomanda che i pazienti affetti da AIBD siano vaccinati contro SARS-CoV-2.

Poiché i vaccini contro l’mRNA attualmente disponibili non sono vaccini vivi, non dovrebbero comportare alcun rischio per i pazienti con AIBD, né per quelli sottoposti a trattamento immunosoppressivo.

Considerando l’effetto degli immunosoppressori sull’efficacia vaccinale, l’immunosoppressione dovrebbe essere il più bassa possibile al momento della vaccinazione. Tuttavia, nel tentativo di migliorare potenzialmente l’efficacia della vaccinazione, la regolare terapia immunosoppressiva non dovrebbe essere fermata. Soprattutto per quanto riguarda il rituximab, la vaccinazione dovrebbe essere eseguita prima dell’inizio della terapia, quando possibile. Se non è possibile, la vaccinazione deve essere condotta da 4 a 6 mesi dopo l’infusione di rituximab.

Per consigli dettagliati, non esitare a contattare il vostro specialista tramite e-mail, fax o telefono.